Crea sito

Salute e sicurezza sul posto di lavoro: è una questione di gender?

La differenza di genere incide sulla salute e sicurezza sul lavoro? L’incremento di incidenti che si sono registrati nelle ultime settimane rispetto lo scorso anno, ci portano a riflettere su un grande problema che interessa soprattutto le donne lavoratrici.

Nonostante l’Unione Europea abbia prodotto disposizioni volte a favorire l’eguaglianza di genere sui luoghi di lavoro, purtroppo le donne risultano essere ancora penalizzate nella frequenza dei corsi di prevenzione e nella predisposizione di attrezzi adeguati come caschetti, guanti, zoccoli, strumenti di tutor etc. Cosa dice la normativa a tal proposito e quali sono i fattori di “gender” che dovrebbero essere prese in considerazione? Scopriamoli in questa guida.

Salute e sicurezza sul posto di lavoro: quali variabili di “genere” considerare?

L’emanazione del D.Lgs. 81/08 ha introdotto una nuova concezione di salute e sicurezza sul lavoro e una maggiore attenzione si è concentrata sulle categorie di lavoratori più esposti a rischi lavorativi.

A fronte di un contenuto normativo che sancisce la tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori (donne e uomini) sul posto di lavoro, ad oggi esistono ancora una disparità di trattamento tra uomini e donne. Purtroppo, l’adozione di un approccio “neutro” acuisce il perdurare di lacune che potrebbero essere superate.

Posto di lavoro: Quali fattori di “gender” dovrebbero essere considerati?

Occorre necessariamente “transitare” da un approccio neutro ad uno che tenga conto delle di differenze di “gender”: le donne e gli uomini sono concentrati in diversi ruoli e posizioni professionali, sono diversi fisicamente, hanno differenti carichi e responsabilità in famiglia e le forme di vulnerabilità e di pericolo sono percepite in modo soggettivo.

Ben si comprende come questi fattori di “gender” impattino in modo determinante sulla qualità della vita lavorativa: ciò è confermato da uno recente studio che ha messo in evidenza come “gli effetti del lavoro sulla salute possono essere diversi per donne e uomini”.

Tali diversità di genere sono dovute a differenti percezioni della salute/patologia, a specificità biologiche ed al contesto socio-economico in cui si presta la propria attività professionale.

BIBLIOGRAFIA: Smuraglia Le discriminazioni di genere sul lavoro. Dall’Europa all’Italia ,Ediesse, 2005; Mastinu,Diritto e processo nella lotta contro le discriminazioni di genere.Cedam, 2010

Pubblicato da Jacqueline Facconti

Redattrice, Business Writer, Content Manager

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.