Competenze dell’operatore socio sanitario nell’ambito della procedura peg

La PEG è una tecnica che, in parole molto povere, consente la somministrazione di nutrienti e farmaci ai pazienti che non sono in grado di assumerli autonomamente.
La responsabilità della corretta gestione dell’assistenza, della preparazione del paziente e dell’ esecuzione di detta tecnica è infermieristica.
All’OSS è richieso di collaborare nella sorveglianza.
Il suo compito è, dunque, quello di osservare lo stato della peg, di controllare che la medicazione sia pulita, di riconoscere segni di stravaso, arrossamento o gonfiore della cute, e di avvisare in tal caso, l’infermiere.
Non è compito dell’OSS neppure curare la velocità infusionale, che viene stabilita dal medico e attuata dall’infermiere.
I suoi spazi di autonomia sono confinati alla preparazione dell’ambiente e del materiale occorrente, nonché al riordino.
In sostanza, anche qui il suo è un ruolo di supporto al personale infermieristico.
Ogni sforamento di competenza potrebbe essere penalmente sanzionabile, ex art. 348 c.p., anche se non risultano decisioni giurisprudenziali sul punto.
Sulle competenze dell’OSS, cfr. Guerriero-Carbone-Malatesta, Il manuale per OSS, Operatore Socio-Sanitario. Teoria e test per la formazione professione e per i concorsi pubblici, Editest, 2017: AA.VV, L’operatore socio-sanitario (O.S.S.) Quz a risposta multipla per le prove concorsuali,Edizioni Giuridiche Simone; 2016; Cuel-Cosi, La formazione sanitaria dell’OSS, CEA, 2014


 

Precedente I cartellini identificativi dei dati personali dell’operatore sanitario e la legge sulla privacy Successivo La responsabilità del medico ospedaliero è extracontrattuale: il révirement del Tribunale di Milano

Un commento su “Competenze dell’operatore socio sanitario nell’ambito della procedura peg

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.